Luminosa e Soluzione canadese: efficacia certificata contro le muffe!

Dall'arrivo dei primi freddi, fino alla primavera, le muffe sulle pareti possono rivelarsi una presenza sgradita nelle nostre abitazioni.

Tutti conosciamo questo fastidioso problema: di solito si inizia da un puntino nero in un angolo della stanza, per poi ampliarsi e correre lungo tutti gli angoli della casa; inizialmente di colore nero, presto tende al verdastro, fino ad arrivare, nei casi più gravi, a ricoprire intere pareti.

Da quel momento inizia una battaglia infinita per contrastarle, fatta di tentativi quasi sempre fallimentari e spesso con prodotti nocivi per la salute.

Esistono soluzioni anti-muffa naturali e sicure per l'uomo?

Cosa sono le muffe?

Le muffe sono funghi microscopici che durante la loro crescita producono spore che si disperdono nell'aria. Possono crescere sia all'interno che all'esterno delle abitazioni. All'interno si trovano soprattutto dove è presente umidità in eccesso e scarsa ventilazione e tendono a svilupparsi più rapidamente con un clima caldo umido (in locali riscaldati in inverno), su superfici umide.

Muffe e salute

In letteratura le muffe che possono insediarsi negli ambienti indoor sono di oltre 80 specie molte delle quali risultano pericolose per l'uomo. Infatti, è dimostrato che l’esposizione alle muffe e/o umidità domestica si associa alla maggiore prevalenza di disturbi respiratori, asma e danni funzionali respiratori. In particolare, per quanto riguarda la salute dei bambini, i risultati complessivi di studi trasversali su bambini di 6-12 anni hanno confermato la relazione positiva tra la muffa visibile (riportata dai conviventi) e la tosse notturna e diurna dei bambini e, nelle famiglie più affollate, la relazione con asma e sensibilizzazione ad allergeni inalanti. [Fonte Ministero della Salute]

Dove si sviluppano le muffe quali sono le cause?

In inverno trovano un ambiente adatto per la loro proliferazione sulle pareti umide, cioè quelle pareti molto fredde su cui condensa l’umidità naturalmente presente nell’abitazione; nel periodo estivo sono presenti in umidificatori o sistemi di condizionamento d’aria, non sottoposti a regolare pulizia e manutenzione.

Ci sono molteplici cause che si possono così riassumere:

  • umidità di risalita: quando l’edificio poggia su terreno molto umido e per capillarità i materiali, con cui sono realizzati i muri, trasportano questa umidità in superficie. Normalmente questo fenomeno si evidenzia con macchie di umidità che vanno dal basso (dalla quota del pavimento) verso l’alto, distacchi delle pitture murali o dell’intonaco ed efflorescenze saline sulla superficie.
  • umidità da infiltrazioni: penetra dall’esterno della parete a causa di eventi meteorici a causa di fessurazioni o pareti non impermeabili alla pioggia che, battendo su di essa, può assorbire grandi quantità di acqua e, dalla faccia esterna, trasferirla a quella interna.
  • umidità di condensa: così come siamo abituati a vedere la condensa del vapore sui vetri freddi, l’umidità condensa sulla parete e viene assorbita velocemente dallo strato superficiale dell’intonaco; questa umidità però impiega un tempo abbastanza lungo per riasciugarsi e, così facendo, in un ambiente molto umido, si rischia che si formi altra condensa prima che la parete si sia completamente riasciugata. Questo susseguirsi di condensazioni e incomplete asciugature sulla superficie della parete, porta ad un accumulo di umidità sul muro sufficiente alla germinazione delle muffe.
    Tipicamente questi fenomeni avvengono nelle parti alte delle stanze, dove l’aria calda e umida tende a salire o nelle zone particolarmente fredde, come gli spigoli di murature esterne.
Esempio di muffa causata da condensa interna su ponte termico geometrico risolvibile con applicazione di Soluzione Canadese Durga

 

Come si previene la formazione delle muffe?

Se la muffa si forma per la concomitanza tra un muro umido o freddo (difetto di costruzione) e un ambiente interno ricco di vapore, è necessario intervenire su questi due aspetti:

  • limitare la dispersione del calore attraverso le pareti esterne, isolandole adeguatamente
  • ridurre il carico di umidità all’interno dell’abitazione, aerando i locali in modo adeguato

Come operare una corretta ventilazione

Abbassare il livello di umidità nell’abitazione è sicuramente l’azione più semplice e a costo zero, che si può immediatamente mettere in atto, e lo si fa con una corretta ventilazione,

Per mantenere un ambiente interno salubre è fondamentale la ventilazione dei locali, sia naturale (apertura delle finestre), che meccanica (impianti VMC canalizzati o puntuali).

Una corretta ventilazione si opera in una maniera molto semplice: bastano 3/5 minuti di finestre aperte per ogni stanza per ottenere un sufficiente ricambio di aria. Ma, ogni quanto si devono aprire le finestre?

Non esiste una regola fissa per stabilire gli intervalli tra una ventilazione e quella successiva, però possiamo farci guidare dal seguente metodo empirico:

  • aprire la finestra in una stanza
  • collocarsi nel punto opposto, più lontano dalla finestra
  • nel momento in cui si avvertirà la sensazione di fresco la maggior parte dell’aria presente nella stanza è stata ricambiata

Esempio di corretta ventilazione naturale dei locali

Come rimuovere la muffa da un muro?

Se i locali evidenziano la presenza di muffe, è opportuno rimuoverla. In commercio esistono numerosi prodotto, che spesso contengono sostanze potenzialmente dannose per la salute (biocidi e cloro). Inoltre, molti di questi prodotti svolgono prevalentemente una funzione sbiancante e sono molto volatili, così da far svanire il proprio effetto nel giro di poco tempo. Tipicamente sono soluzioni che richiedono periodica applicazione.

Soluzione canadese: l'antimuffa naturale

Per risolvere il problema dell'insorgenza e della eradicazione delle muffe sulle pareti, Durga ha ideato Soluzione Canadese un preparato che impedisce la formazione di muffa in modo naturale. 

Grazie ai sali attivi contenuti nella formulazione, caratterizzati da elevata concentrazione (>16%), Soluzione Canadese garantisce la massima efficacia in tutte le condizioni (le normali soluzioni di sali di boro non superano una concentrazione del 3% di boro attivo).

La formulazione di Soluzione Canadese è esente:

  • da cloro e da biocidi 
  • da sostanze presenti degli elenchi di rischio REACH SVHC (sostanze altamente sospette).
  • da COV (Composti Organici Volatili)

Soluzione Canadese deve essere applicata a tutta superficie, con rullo o pennello e lasciata asciugare prima dell'applicazione della pittura Luminosa o Splendida.

    Gli effetti benefici nella prevenzione dell'insorgenza delle muffe sono stati certificati dall'Istituto CSI, che dopo aver applicato una mano di pittura traspirante Luminosa Durga impregnata con Soluzione Canadese Durga ha dimostrato il 100% di efficacia contro la ricrescita della muffa. 

    Visualizza i risultati completi del test

    Cosa fare nel caso di pareti che già presentano muffe?

    Quando dobbiamo trattare pareti che presentano attacco di muffe, evitare di spazzolarle rischiando di respirarne spore e tossine e disperderle nell’ambiente circostante. Procedere, invece, all'applicazione della Soluzione Canadese e attendere 12 ore prima di spazzolare i residui ingrigiti ed applicare la pittura.